Il progetto VGModena Volley nasce nel 2014, con l’obiettivo di unire la filosofia e la capillarità del mondo polisportivo e il volley di altissimo livello. L’agreement nato tra la Polisportiva Villa d'oro e Modena Volley è risultato fin da subito vincente e oggi è indubbiamente uno dei progetti di più alta qualità della Regione.

Di presente e futuro di VGModena Volley abbiamo parlato con Manuel Armaroli, Direttore Sportivo e non solo della VGM.

Manuel quali sono le persone che portano avanti il progetto VGM e qual è il tuo ruolo?
“A portare avanti il progetto è in primis il nostro staff tecnico, la base essenziale su cui è costruito il nostro team di allenatori, un'eccellenza nazionale. Il mio é un ruolo trasversale, sono Direttore Sportivo ma anche responsabile marketing e comunicazione, diciamo un fact totum, come tanti di noi. Emiliano Ferrari é il Direttore Tecnico della società, mentre Sandra Baraldi é Responsabile Amministrativo, lavoriamo insieme da tanti anni con grande armonia e passione".
Questo è l'ottavo anno di VGModena Volley. Cos'è oggi VGM?
"Qualcosa di cui siamo molto orgogliosi. Ci siamo creati una base e una modalità di lavoro che ci hanno portato ad un risultato importante. Negli ultimi anni abbiamo vinto quasi tutto a livello provinciale e regionale, ma questa è solo una conseguenza di quello che siamo riusciti a creare nel lavoro quotidiano nelle palestre. Abbiamo integrato* metodologie che arrivano dalla scuola americana, creato un codice etico e un rapporto tra allenatori, società e famiglie che portano garanzia di serietà. Fine ultimo del nostro lavoro é la ricerca di un equilibrio perfetto tra l’esigenza della massima crescita tecnica degli atleti e la creazione di un contesto armonioso ed equilibrato rispetto alle altre priorità dei giovani: salute e scuola”.
Qual è la struttura della VGM? Quanti ragazzi e squadre ne fanno parte?
"Le squadre vanno dall’Under 11 all’Under 19. L’obiettivo che ci poniamo è quello di portare i ragazzi ad esprimersi al massimo possibile del loro livello. Da noi sono passati atleti come Tommaso Rinaldi e Lorenzo Sala e tanti altri ragazzi che hanno esordito in A1, ma dietro c’è anche un percorso per chi in Serie A non ci può arrivare, un percorso assolutamente fondamentale. Siamo naturalmente contenti quando riusciamo a "consegnare" alla Serie B di Modena Volley dei ragazzi, ma anche chi non ha quelle qualità può seguire altri percorsi. Nella stagione 2021/22 VGModena Volley ha presentato ai nastri di partenza dei campionati Fipav nove gruppi squadra giovanili maschili per un totale di oltre 150 atleti tra Under 11, Under 12, Under 13, Under 14, Under 15, due Under 17, Under 19 e Serie D. Ciascun gruppo è allenato e seguito quotidianamente da uno staff di 3 tecnici qualificati e selezionati".
Qual è la responsabilità di gestire un settore giovanile come questo, quali sono le difficoltà e quali le soddisfazioni?
"La soddisfazione é tanta, come l'impegno, non sarei qui a fare questo oggi se non fosse cosi. La responsabilità è grande, grandissima. In questo biennio di difficoltà legate al Covid doversi sempre inventare qualcosa di nuovo per adattarsi alla situazione è stato durissimo, ma vedere i ragazzi contenti è qualcosa di straordinario. I problemi da risolvere sono tanti e costanti, ma ne vale assolutamente la pena, a volte non ci si dorme la notte, poi entri in palestra e vedi che ci sono decine di ragazzi che fanno volley con un entusiasmo pazzesco e... non ha prezzo".
Siete riusciti a portare avanti il vostro progetto a avete tanti ragazzi che continuano a fare pallavolo. Quanto è importante per loro fare sport?
"Lo sport per i ragazzi, in questo momento, assume un’importanza ancora più fondamentale. Siamo riusciti a portarli in palestra anche durante la DAD ed era per loro l’unico vero sfogo extra scolastico. La parte sociale deve essere alla base di qualunque movimento sportivo e siamo orgogliosi che i genitori continuino a portare i loro figli e vedano una società che cerca di fare sempre tutto con la massima sicurezza e serietà possibili".
I talenti della VGM sbocciano in Modena Volley. 
"Vedere esordire in serie A i nostri ragazzi è straordinario. Con Modena Volley c'è un grande rapporto, anche a livello personale C'è sempre stato con Giulio Salvioli e c'è oggi con Fabio Donadio, il responsabile del settore giovanile. Mi fa molto piacere trovare in lui e in tutta Modena Volley un interesse molto spiccato verso il nostro lavoro e la sensazione di lavorare in team condividendo valori e prospettive per il futuro”. 

 

CHIEDI A
MV