Si è tenuta questa mattina presso la sede modenese di Synergie Italia S.p.A in Viale G. Amendola, 144, la conferenza stampa di presentazione di Synergie come nuovo Jersey Sponsor di Modena Volley per la stagione 2019/20.  Erano presenti il Dg. di Modena Volley Andrea Sartoretti, i giocatori gialloblù Daniele Mazzone e Andrea Truocchio, Mirko della Torre, Area Manager Synergie Emilia Romagna e Barbara Moneti, Direct Manager Synergie area Modense.

Queste le parole di Mirko della Torre“Cosa ci aspettiamo da questa sponsorizzazione? Sicuramente è una collaborazione che aspettavamo da molti anni, e già dai primi appuntamenti ci sentivamo a casa, anche perché tra noi c'è un'importante condivisione di valori. Modena Volley è una squadra rappresentativa non solo del territorio ma di una nazione intera: dentro questa società sono cresciuti dei talenti che hanno scritto la storia della pallavolo internazionale, e noi volevamo assolutamente accostarci ad un nome che in qualche modo ci rappresentasse. Questa partnership siamo sicuri porterà ad una reciproca soddisfazione.".

“La società ci lascia liberi di scegliere le sponsorizzazioni a cui partecipare a seconda del territorio - ha raccontato Barbara Moneti -, per quanto mi riguarda, da modenese, ho sempre visto il volley come uno sport sano, pulito e fondato su ottimi principi, anche etici. La pallavolo è molto sentita da tutta la città e per noi essere partecipi in questa realtà è molto importante, anche perché, solitamente, le aziende quando pensano al tuo nome ti affiancano ai partner con i quali scegli di lavorare. Personalmente sono molto contenta e soddisfatta di questa collaborazione ”.

Queste le parole di Daniele Mazzone: “La Nazionale? I miei obiettivi sono molto chiari, fare bene in campionato con Modena Volley e partecipare alle Olimpiadi il prossimo anno. Qualunque strumento possa aiutarmi a raggiungerli è ben accetto, ma la World Cup non era tra questi, sto bene qui e sono molto soddisfatto di come prosegue la mia preparazione. Giani? Aspettava di tornare a Modena da qualche anno e ora che finalmente è qui ha una carica impressionante. Si sta concentrando tantissimo sulle sue direttive e soprattutto sui più giovani. Come andrà quest'anno? Sicuramente sono più sereno rispetto alla scorsa stagione, quest'anno sentirò meno la pressione per il posto da titolare e riuscirò a guardare avanti, rendendo di più e concentrandomi meglio su me stesso".

"Essere in prima squadra è bellissimo - ha spiegato Andrea Truocchio - allenarsi con i ragazzi più grandi è divertente e stimolante. Giani? Punta tanto sull'insegnamento della tecnica ai più giovani e ci permette di crescere in maniera ottimale. La Nazionale giovanile? Era un mio obiettivo anche quest'anno, e sicuramente resta tra i miei obiettivi per il prossimo".