Continua il nostro viaggio tra le realtà che hanno deciso di legarsi ai colori gialloblù andando a raccontare la storia della Pieve United Volley di Pieve Fosciana e dell’ ASD US Centuripe, le motivazioni che le hanno spinte ad entrare nel network, le aspettative che nutrono relativamente all’Academy e la loro reazione all’emergenza Covid-19. Sono realtà geograficamente lontane Pieve e Centuripe, ma con tante similitudini, la prima a due passi da Lucca e la seconda in provincia di Enna, sono nate in piccoli centri, ma il numero di tesserati è cresciuto di anno in anno, vivono di volontariato, passione e volley.

“La Pieve United – spiega Fabrizio Pieroni, presidente della Pieve United Volley-  era composta solo dagli amatori calcio. Nel 2016 siamo riusciti a formare una squadra femminile di pallavolo che ha partecipato al campionato UISP di seconda divisione, dall’anno dopo invece abbiamo iniziato a fare il campionato della Federazione. Due anni fa, il comune ha ristrutturato la palestra della scuola e ci ha affidato la gestione. I tesserati totali sono circa una trentina, di cui una ventina di bimbi dai 6 ai 10 anni. Com’è nata la collaborazione con Modena Volley? Noi, finchè era possibile, venivamo a vedere le partite di Modena Volley. Alberto Casadei mi ha proposto la cosa e abbiamo accettato di instaurare questa collaborazione, che quest’anno però è stata resa molto difficoltosa dal Covid”. Cosa si aspetta la Pieve United dalla collaborazione con Modena Volley e come ha reagito all’emergenza Covid: “Quando abbiamo avuto bisogno di qualche consiglio c’è sempre stata grande disponibilità – chiosa Pieroni - appena sarà possibile, abbiamo intenzione di far partecipare i bambini ad una partita, portarli dentro al palazzetto. Vorremmo continuare la collaborazione anche cercando di carpire consigli tecnici. Quest’anno, come penso gran parte delle società del nostro livello, abbiamo deciso di fermarci per l’emergenza Covid. Non eravamo in grado di rispettare tutti i controlli e le varie richieste. Dispiace perché non si gioca e i bimbi non vengono più in palestra, speriamo nell’arrivo del vaccino e di poter rimettere tutto in moto nella nuova stagione”.

“Siamo la società di un piccolo paese siciliano in provincia di Enna, - spiega Giuseppe Lorenzo Biondi, Responsabile comunicazione ASD US Centuripe - .La società è stata creata dal Presidente Walter Testai ed altri amici con un obiettivo ludico-amatoriale, poi siamo entrati io ed altri collaboratori e adesso siamo fieri di avere quasi quaranta ragazzi tesserati e altri venti adulti che partecipano alla seconda divisione. Il Covid ci ha un po’ limitato perché avevamo intenzione di fare dei corsi per bambini che sono iniziati, ma solo per due settimane. La collaborazione con Modena Volley è iniziata grazie all’amico Bartolo Spalletta che mi ha parlato di questo progetto, dicendomi che c’erano buone possibilità di crescita a livello tecnico, di marketing e conoscenze personali. Abbiamo stretto la collaborazione perché una società importante come Modena può portarci ad un gradino più alto di quello che è il nostro e per poter apprendere il più possibile dai suoi collaboratori. Stiamo cercando di collaborare con il comune per creare un nuovo palazzetto perché attualmente stiamo giocando in una piccola palestra. L’obiettivo – conclude Biondi - è crescere soprattutto nel settore giovanile, cercando di valorizzare tutta la trafila dalle squadre dei piccolissimi. Vorremmo lanciare qualche giovane, ci piacerebbe tantissimo vedere uno dei nostri giocatori approdare in un top club, magari proprio a Modena. Come abbiamo reagito al Covid? “E’ un enorme problema, ma non lo scopriamo certo noi. Ad oggi abbiamo meno personale e purtroppo gli allenamenti non possono essere svolti costantemente. Dal punto di vista economico, invece, non abbiamo avuto grandi disagi, nell’anno nuovo cercheremo di ripartire a pieno regime con anche corsi per allenatori”.