La Leo Shoes Modena di Andrea Giani scende in campo a Roeselare per il primo match della Pool D di Champions con il Kuzbass Kemerovo. Christenson e compagni indossano la maglia Champions per la prima volta in stagione, maglia che si rifà a quella con quale i gialloblù vinsero la Coppa dei Campioni nel 1990.


Modena parte con la diagonale Christenson-Vettori, in banda ci sono Petric e Lavia, al centro Stankovic-Mazzone, il libero è Jenia Grebennikov. Kemerovo risponde con Kobzar-Zaytsev in diagonale, al centro ci sono Krmanovic-Shcherbakov, in banda Markin e Karpukhov, libero Obmochaev.


Parte bene Modena con Christenson che trova bene i suoi, avanti, i russi non mollano un pallone, 8-8. Alza i giri del motore Modena che si porta sul 16-13 con un ottimo Luca Vettori. Kobzar serve perfettamente i suoi, che alzano il livello di gioco, 19-19. Entra Karlitzek al servizio e il tedesco trova subito l’ace, 23-21. Vettori perfettamente servito da Christenson chiude il primo set 25-23. Parte forte Modena anche nel secondo set che continua a giocare un ottimo volley, 9-5 con muro di Lavia su Zaytsev. E’ continua Modena nel suo gioco, 12-7 con una fase break ancora ottima. Spacca il set la Leo Shoes che fa la differenza anche a muro, 18-12. Una meravigliosa palla di Nema Petric porta Modena sul 24-18. E’ ancora Vettori a chiudere il parziale, 25-19 ed è 2-0. Il terzo set è punto a punto serrato, Modena piazza il break, 10-8. Dragan Stankovic e Daniele Mazzone lavorano ancora benissimo al centro, 14-12. Cambia passo Kemerovo che trova il bandolo della matassa, 16-17 e sorpasso da parte dei siberiani. Rimette la freccia la Leo Shoes con una palla perfetta di Petric, 21-20, poi è Kemerovo a cambiare passo, 22-24 poi è ace Zaytsev, 22-25 e 2-1 nei set. Il quarto parziale inizia nel segno di Kemerovo, 7-10 e Modena è in difficoltà. Restano avanti i russi, 12-14. Continua a macinare gioco e punti il Kuzbass, la Leo Shoes resta attaccata ai russi, 19-21. Si arriva al 23-23 per una conclusione di set al cardiopalma. Modena chiude il set in modo straordinario, 30-28 e il match 3-1 in questo primo match di Champions League.

 

 

Micah Christenson: è stata una partita molto difficile ed equilibrata, giocata a punto a punto per almeno tre set. Siamo riusciti a vincerne due e per noi è stato un grandissimo passo in avanti, perché significa che abbiamo imparato dalle sconfitte in altre partite difficili, dove soffrivamo sul punto a punto nei finali di set, quindi siamo molto molto contenti".

Andrea Giani: "It’s been a huge victory for us against Kemerovo. We’re incredibly happy and what’s more important is that this evening I’ve seen the growth of my team.
We played very well during the first two sets, while we had a lack of concentration during the third. I think that what makes this victory even more significant is that we regained 4 fundamental breaks in the 4th set.