Leo Shoes Modena-Verva Warszawa Orlen P. 3-0 (25-21; 25-17; 26-24)

Leo Shoes Modena: Christenson 1, Vettori 13, Petric 16, Stankovic 7, Mazzone 3, Lavia 14, Grebennikov (L), Rinaldi, Karlitzek. N. E.: Bossi, Iannelli (L), Mazorra, Sanguinetti, Pirro. All. Giani.

Verva Warszawa Orlen P.: Wrona 6, Ziobrowski 9, Kwolek 7, Nowakowski 3, Grobelny 7, Superlak 5, Trinidad De Haro 1, Szalpuk 2, Fornal 1, Kozlowski, Król, Wojtaszek (L). All. Anastasi.

Durata set: 27' 22' 31', tot: 80'.

La Leo Shoes Modena di Andrea Giani scende in campo a Roeselare per il secondo match della Pool D di Champions con Varsavia, squadra allenata dall’ex giocatore gialloblù Andrea Anastasi.
Modena parte con la diagonale Christenson-Vettori, in banda ci sono Petric e Lavia, al centro Stankovic-Mazzone, il libero è Jenia Grebennikov. Varsavia risponde con Kozlowski-Superlak in diagonale, al centro ci sono Nowakowski-Wrona, in banda Szapluk e Kwolek, libero Wojtaskek.
Inizia con un punto a punto serratissimo il match di Roeselare, 7-7 con le due squadre che giocano a ritmo altissimo. Piazza il break la Leo Shoes che va sul 12-9 grazie a una buona fase break. Torna subito sotto Varsavia, 15-15 e set apertissimo. Il secondo ace di Vettori spacca il parziale, 21-18. E’ un ottimo Lavia a portare Modena sul 23-20. E’ l’ace di Micah Christenson a chiudere il set per i gialli, 25-21. Nel secondo set è ancora Modena a giocare un volley di altissimo livello, 12-4 con Petric che mette a segno il 4 ace personale. E’ spietata Modena che non sbaglia praticamente nulla, 19-10. Modena chiude 25-17 il secondo parziale, è 2-0. Nel terzo set è Varsavia a partire forte, 4-6. Cambia marcia e ritmo la Leo Shoes, 14-13 con Christenson che serve ottimamente i suoi avanti. Arriva al 22-20 Modena che poi chiude con l’ace di Lavia il set 26-24 e il match 3-0.

“Siamo stati bravi a mettere pressione a Varsavia, con i loro ingressi hanno alzato il livello e abbiamo vinto al fotofinish, è importante per trovare ancor più sicurezza. Abbiamo fatto una buona parte di stagione in emergenza totale, poi c’è stato un calo fisiologico, ma nessuno ha pensato ad altro se non a lavorare e a migliorare e la tendenza è cambiata. Noi dobbiamo proseguire sulla nostra strada, domani dobbiamo fare una super partita”